scheda stampa

Scheda TESS – http://tess.beniculturali.unipd.it/web/scheda/?recid=16578
Villa di Traiano, vestibolo XVIII, opus sectile a grande modulo – Tenne della Grotta – Arcinazzo Romano  ( RM)

edificio residenziale/villa
La villa di Arcinazzo sorge nell’alta valle dell’Aniene, alle pendici del monte Altuino. su due terrazze realizzate con murature in opera reticolata e mista, raccordate da un lungo corridoio segmentato, che segue il profilo della collina. Presso il settore occidentale della terrazza inferiore è presente un complesso di ambienti monumentali, mentre ad est si articola un vasto giardino triporticato, definito da due fontane. Una serie di indagini geomagnetiche eseguite sulla platea superiore ha messo in evidenza la presenza di strutture a carattere residenziale, ancora non indagate. Attualmente le indagini sono concentrate negli ambienti monumentali ubicati presso il settore occidentale della terrazza inferiore (I-XXIII), con murature in opera mista e laterizia. Al centro del blocco si apre il triclinio II, rivestito da un sectile a isodomo listellato, ai lati del quale si aprono due atrii scoperti (III e XVII), preceduti ad ovest da due vestiboli (X e XVIII), ambedue rivestiti da un sectile a grande modulo quadrato-reticolare. Alle spalle del triclinio II si aprono quattro vani in successione (XI, XX, XXI, XXII), con funzione di servizio e di sostegno del piano superiore. In posizione soprelevata, affacciati ad oriente mediante ampie finestre rivestite di marmo, sono gli ambienti XIX e XXIII, il primo dei quali ha restituito una raffinata decorazione marmorea parietale. A sud gli ambienti sono serviti da un corridoio (IV), con sectile con motivo Q3p, seguito ad ovest dall’ambiente XVI, rivestito da un sectile a piccolo modulo di quadrati e rettangoli, a sud del quale si articolano ulteriori vani, tra cui un pianerottolo rivestito in tessellato bianco (IX). Infine, nel settore settentrionale si apre il corridoio XIV, con pavimento in semplice tessellato bianco, a nord del quale si sviluppa l’ambiente XXV, con pareti ricoperte da incrustationes marmoree e pavimento in opus sectile a schema composito di ottagoni e di quadrati. Il complesso edilizio è stato attribuito all’imperatore Traiano sulla base del rinvenimento di fistule acquarie recanti il suo nome e quello del liberto Hebrus, poi oggetto di spoliazioni e di cambio di destinazione d’uso in epoca tardoantica (pianta edificio tratta da Fiore, Mari 2005, fig. 1).


Cronologia

Estremi temporali: dal secolo I d.C. (4° q) al secolo II d.C. (1° q)
Motivazione della cronologia: dati archeologici

AMBIENTE: vestibolo
Ambiente XVIII: l’ambiente si apre presso la terrazza inferiore della villa, nel blocco monumentale occidentale. Nella sala e nell’ambiente X, ad essa speculare, sono stati identificati due vestiboli che precedono due atrii scoperti (III e XVII), seguiti da un ampio triclinio (II). Il vestibolo, analogamente all’ambiente X, doveva essere coperto con volta a botte. Ambedue gli ambienti conservano il rivestimento parietale composto da uno zoccolo marmoreo sormontato da una fascia in stucco dorato, superiormente definita da un listello marmoreo ed il rivestimento pavimentale, in opus sectile a grande modulo quadrato-reticolare.

Cronologia

Estremi temporali: dal secolo I d.C. (4° q) al secolo II d.C. (1° q)
Motivazione della cronologia: dati archeologici

Specifiche di rinvenimento
Data:
non documentata

Villa di Traiano, vestibolo XVIII, opus sectile a grande modulo

Parte dell’ambiente: intero ambiente
Rivestimento con scansione: a copertura unitaria
Tipo di impaginazione: iterativa
Cromia: quadricromia neroniana

Opus sectile a grande modulo a schema quadrato-reticolare con elementi complessi.I marmi adoperati sono il giallo antico, il pavonazzetto, il porfido rosso e il porfido verde. Il rivestimento si conserva soprattutto in prossimità di una sorta di piattaforma rialzata presso il lato di fondo dell’ambiente.

Cronologia
Estremi temporali: dal secolo I d.C. (4° q) al secolo II d.C. (1° q)
Motivazione della cronologia: dati archeologici

BORDO

Elemento non presente

CAMPO

Specifiche tecniche
Identificazione della Decorazione: geometrica
Tecnica Esecutiva: opus sectile (sectile a base marmorea)

Decorazioni geometriche

MotivoModuloRiempimento
*a modulo quadrato-reticolare (a quadrati, rettangoli e quadrati minori) con motivi complessi
Referenza fotografica: Da Fiore, Mari 2005, fig. 6a.

CONSERVAZIONE
Oggetto conservato: parte del pavimento – Conservato in: situ (Villa di Traiano ad Arcinazzo Romano )

Condizione giuridica: proprietà Stato

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO
Fiore, M.G./ Mari, Z. 2005, Pavimenti e rivestimenti in opus sectile della Villa di Traiano ad Arcinazzo Romano., in La mosaïque Gréco – Romaine IX. Actes du Colloque International pour l’étude de la mosaïque antique (Rome, 6-11 Novembre 2001), Roma, pp. 634-636, fig. 6a.
Mari, Z./ Fiore Cavaliere, M.G. 2001, Rivestimenti marmorei da una villa tiburtina e da quelle imperiali di Arcinazzo e Subiaco: esempi tipologici ed episodi di spoliazione., in Atti del VII Colloquio dell’Associazione Italiana per lo Studio e la Conservazione del Mosaico (Pompei, 22-25 marzo 2000), Ravenna, p. 429.

CITAZIONE E CONDIVISIONE
STRINGA BIBLIOGRAFICA: Sposito, Francesca, Villa di Traiano, vestibolo XVIII, opus sectile a grande modulo, in TESS – scheda 16578 (http://tess.beniculturali.unipd.it/web/scheda/?recid=16578), 2014
INDIRIZZO WEB: http://tess.beniculturali.unipd.it/web/scheda/?recid=16578

DATA SCHEDA: 2014 | AUTORE: Sposito, Francesca | REF. SCIENT. : Ghedini, Francesca